Istituto Tecnico > News > Ania Campus, a Milano il Tour per la sicurezza stradale su 2 ruote

Ania Campus, a Milano il Tour per la sicurezza stradale su 2 ruote

 

CULTURA DELLA PREVENZIONE ALL’ISTITUTO MATTEI

 

Il nostro istituto è stato selezionato per partecipare alla tappa milanese di   Ania Campus 2016 prevista per il prossimo venerdì 15 aprile. L’iniziativa, in collaborazione con la Polizia di Stato e la Federazione Motociclistica Italiana, è promossa dal Dipartimento delle Politiche Giovanili.

Nell’ampio parcheggio sito in Via del Burchiello sarà allestito un Campus per una mattinata di informazione e formazione dei giovani alla guida sicura dei motocicli, il tutto all’insegna della tecnologia e del divertimento. La tecnologia svolge un ruolo fondamentale al Campus; i mezzi per le esercitazioni sono equipaggiati con una telecamera che riprende le manovre eseguite dal conducente. I video saranno utilizzati a scopo didattico, mettendo in evidenza eventuali errori o manovre non corrette. Lo scopo principale di ANIA Campus è quello di insegnare ai giovani quali siano i comportamenti e gli stili di guida da seguire, sottolineando che una tecnica di guida corretta non è mai disgiunta dalla prudenza. Chi viaggia su due ruote è un utente vulnerabile della strada e gli incidenti che coinvolgono motociclisti, spesso giovani, sono purtroppo molto numerosi. Per questo motivo ANIA punta alla formazione dei giovani e giovanissimi a partire dalle scuole e l’Istituto Mattei ha immediatamente colto l’opportunità di formare ed informare i suoi studenti sul tema della sicurezza, grazie anche all’intermediazione di Marco Garanzini del Rotary Club, associazione che collabora fattivamente con il Mattei per la realizzazione di progetti di particolare valenza didattica.

Protagonisti dell’iniziativa 50 studenti delle classi quarte che, dopo aver svolto una parte teorica con l’aiuto di formatori di educazione stradale, si cimenteranno in una prova pratica sul circuito predisposto, sotto la supervisione di istruttori e piloti professionisti. La teoria affronta anche i temi dell’abbigliamento e degli accessori in dotazione ai motociclisti con particolare attenzione al casco. Per ribadire l’importanza di utilizzare solo i caschi a norma, la Fondazione ANIA ha lanciato un’iniziativa per “rottamare” i vecchi caschi non omologati ancora in circolazione: alcuni dei ragazzi che durante la manifestazione si presentano con un casco non a norma, riceveranno in cambio un nuovo casco che potranno personalizzare secondo la propria creatività.

Per concludere il commento dell’On. Prof. Antimo Cesaro – Sottosegretario di Stato del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo:

“L’investimento in formazione – stimolando anche la creatività dei giovani all’uso consapevole del casco – consente di educare i giovani al rispetto delle regole del Codice della Strada e ad assumere un corretto stile di guida, fattori indispensabili per creare una più diffusa e più coerente “cultura della prevenzione”».

 

Circolare n° 345 – ANIA Campus sicurezza stradale Milano 2